Formaggio vegan autoprodotto

Questo insaporitore è composto da ingredienti naturali  di madre terra, pertanto fa bene alla salute in quanto è ricco di antiossidanti e grassi buoni che fanno da "spazzini" per le nostre arterie.
Viene utilizzato in tutte le pietanze sia calde che fredde, ove sia necessario dare un po' di    "carattere" alla pietanza.
Si mantiene in frigo anche oltre un    mese    ma ti assicuro che non resta lì così tanto tempo ...  

Ingredienti per una scorta abbondante:

 

  • 100 g di mandorle dolci spellate; (

  • 100 g di anacardi al naturale;

  • 80 g di semi di sesamo;

  • 100 g di lievito alimentare secco;

  • 3 cucchiaini di aglio in polvere; (oppure di cipolla disidratata o metà e metà)

  • 1 cucchiaino di sale integrale;

  • 1 cucchiaino di curcuma, (facoltativo serve solo per colorare)

Preparazione:

 

Tostare il sesamo in una padella antiaderente, muoverlo continuamente per evitare di bruciarlo e quando se ne sente il suo profumo è ora di toglierlo dalla fiamma. Versarlo ancora caldo su di un piatto per farlo raffreddare velocemente.

Quando sarà pronto, mettere nel mixer il sesamo, le mandorle, gli anacardi, l'aglio ed il sale.

Macinare per il tempo necessario affinché la polvere sia granulosa ma non farinosa.

Unire il lievito e la curcuma mescolando bene.

Riporre in uno o più vasetti di vetro a chiusura ermetica nel reparto frigo più freddo.

Alcune informazioni in più ...

 

Le mandorle dolci, uno degli alimenti più buoni ed energetici che possiamo consumare. Importantissime per la nostra salute, ecco alcune ottime ragioni per introdurle all'interno della nostra dieta.

Le mandorle sono dei gustosissimi semi provenienti dall’albero del mandorlo, tipico di molte zone del Sud Italia. Sono costituite per il 50% da grassi monoinsaturi e polinsaturi, e sono una preziosissima fonte di energia. Costituiscono un’ottima riserva di vitamina E, sali minerali, magnesio, ferro, calcio e fibre.

Ritardano l’invecchiamento

Da sempre utilizzate nella cosmetica per limitare l’insorgenza delle rughe e gli estetismi delle smagliature, questo frutto ci aiuta a combattere l’invecchiamento  e il rilassamento cutaneo anche dall’interno del nostro organismo. Il loro punto di forza è costituito dalla presenza dei cosiddetti polifenoli, potenti sostanze antiossidanti, capaci di ostacolare i danni causati dalla formazione dei radicali liberi. Una piccola precisazione: queste sostanze sono per lo più presenti nella buccia, ecco perché è consigliabile mangiare le mandorle senza privarle della loro pellicina.

Combattono il colesterolo

Grazie al loro contenuto di grassi “buoni”, le mandorle hanno la capacità di abbassare i livelli di colesterolo nel sangue. Il merito è da ricercarsi dei grassi polinsaturi che fanno parte dei loro principali costituenti. Per questa ragione, sono dei potenti alleati per la buona salute di arterie e vene. 

Energizzanti

Come abbiamo già detto all’inizio del nostro articolo, le mandorle sono un alimento capace di sprigionare tantissima energia. Sono ricche di calcio, magnesio, ferro e vitamina E: ecco perché fungono da ottimi integratori nelle nostre diete. Sono utili per superare al meglio le giornate più fredde, ma anche quelle più intense e stressanti.

Aiutano il benessere dell’intestino

Ecco un’altra importantissima proprietà delle mandorle, o per meglio dire, dell’olio di mandorle dolci: il loro potere lubrificante ed emolliente che le rende un toccasana per il benessere intestinale. Considerata un antinfiammatorio e un antisettico, la mandorla agisce positivamente nelle condizioni di infiammazione intestinale renale, genito-urinarie e polmonari. Meglio però non esagerare con l’olio di mandorle dolci, perché contiene molti grassi ed è molto calorico.

Contro l’anemia

Abbiamo già accennato al fatto che le mandorle hanno un importante contenuto di ferro e vitamine. Per questo loro elevato apporto nutritivo, aiutano a combattere l’anemia. Sono infatti tra i cibi suggeriti per chi ha carenze di ferro.

Le mandorle rafforzano le ossa

Non solo ferro, ma anche tanto calcio. Ecco che  diventano un prezioso alleato naturale per aumentare la densità minerale ossea. Per questo, sarebbe bene se il loro consumo venisse integrato nella dieta delle persone anziane e di chi è affetto o predisposto all'osteoporosi.

Mettono il buon umore

Infine, ma non per questo meno importante, sono un toccasana per l’umore. Indicate anche durante il periodo mestruale, contengono in sé delle proprietà antidepressive e antinfiammatorie. Le mandorle contengono tirosina e triptofano, due amminoacidi che insieme stimolano i neurotrasmettitori che influiscono sul buonumore. Consumarle ci fa sentire bene, più felici, più energici. Sempre senza esagerare comunque.

Quelle elencate sono solo alcune delle innumerevoli proprietà delle mandorle che, ricordiamo, vanno consumate con moderazione: non più di 8 al giorno, a causa del loro elevato contenuto calorico.  Inoltre, per il loro contenuto di arginina-lisina, sono sconsigliate a chi è suscettibile all’herpes labiale o alle infezioni erpetiche. [fonte: AmbienteBio]

Gli anacardi, come la frutta secca in generale, hanno un notevole apporto calorico. Anche se sono meno grassi, rispetto ad altri semi oleosi, non bisogna abusarne. All’interno di una dieta varia ed equilibrata si possono consumare 2 o 3 razioni settimanali in virtù dei benefici che ne derivano.

Gli anacardi sono semi oleosi prodotti da alberi tropicali della famiglia delle Anacardiaceae. La pianta, Anacardium occidentale (Brasile), è, allo stato naturale, presente nelle regioni tropicali ed equatoriali dell’America centrale e meridionale e attualmente viene coltivata nelle aree tropicali di tutto il mondo.

L’anacardio è anche chiamato “melo di acagiù” perché produce un frutto, mela di acagiù, con una polpa succosa ricca di vitamina C, a cui è attaccato un ulteriore guscio contenente la noce (noce di acagiù).

La forma del frutto, quello che noi consumiamo tostato, è a cuore e probabilmente il suo nome deriva da lì, “cardium” significa appunto cuore.

I frutti (acheni) sono considerati al pari della frutta secca, come le noci, le mandorle e appartengono alla stessa famiglia dei pistacchi. L’anacardio è avvolto da una sostanza caustica e tossica, utilizzata dall’industria per produrre insetticidi e vernici e che viene rimossa, per rendere il seme commestibile, per questo motivo gli anacardi acquistati si devono presentare ben puliti dalla pellicina.

Dagli anacardi, per spremitura, si ottiene un olio alimentare commestibile. Impossibile dimenticare l’importanza del triptofano

  1. Il triptofano contenuto è un aminoacido essenziale che è introdotto attraverso l’alimentazione, ma è importante sottolineare come questo aminoacido sia il precursore della più famosa serotonina, l’ormone del buonumore. La serotonina è un neurotrasmettitore sintetizzato dai neuroni del sistema nervoso centrale, ma anche da alcune cellule dell’apparato gastrointestinale (l’intestino, il nostro secondo cervello), che è coinvolta nella regolazione dell’umore, del sonno, della sessualità, dell’appetito e della temperatura corporea. Infatti molti antidepressivi agiscono sui livelli di serotonina, così come alcune sostanze stupefacenti; un deficit di serotonina causa ansia, bulimia, depressione ed eiaculazione precoce maschile. Gli anacardi contengono, in 100 grammi, circa 400 mg di triptofano, per questo sono considerati un alimento antidepressivo e antiansia che aiuta il benessere psico-fisico.

  2. Il triptofano è considerato un anoressizzante, cioè calma l’appetito, soprattutto di dolci.

  3. Sempre il triptofano è un precursore della melatonina, sostanza prodotta dal nostro cervello (ma non solo) che agendo sull’ipotalamo regola il ciclo sonno-veglia. Quindi, gli anacardi, possono favorire una qualità migliore del sonno, soprattutto in menopausa.

  4. Gli anacardi sono ricchi di acido oleico (omega-9), grasso mono-insaturo che ha un benefico effetto sul sistema cardiovascolare e sul colesterolo alto. [fonte: AmbienteBio]

Gli articoli che vedi in banner contengono link di affiliazione e "Cucinare con Amore" ottiene una piccola percentuale dai ricavi ottenuti sulle vendite dei prodotti: in ogni caso, se clicchi sui prodotti e li acquisti non ci sarà alcun ricarico sul prezzo ma avrai contribuito indirettamente alla realizzazione del mio sito e per questo ti ringrazio! 

Ti è piaciuta questa ricetta? Aiutami a far conoscere la cucina  etica, condividila sul tuo profilo social!  

Su MACROLIBRARSI,

inserisci il CODICE 6071 AL PUNTO 4 durante i passaggi dell'ordine contribuirai indirettamente a sostenere il mio sito.

Grazie